web analytics

Tutto tace.
Il freddo è pungente e non ci sono più nemmeno le luci nelle case a scaldare un po’ questa rigida serata di inizio inverno. Qui inizia sempre un po’ prima che altrove ma quest’anno è cominciato davvero in anticipo, non era nemmeno il mese di novembre.
Adesso siamo a Natale, tempo di alberi e di presepi. Io un po’ presepe lo sono sempre stata, con le mie casette arroccate l’una sull’altra
a dominare questo angolo di paradiso tra le montagne, trecentossessantacinque giorni l’anno. Fino a questo.
Adesso me ne sto qui, da sola, senza luci, senza vita, al buio.  Là intorno il paesaggio è cambiato, forse per sempre, ma io non voglio arrendermi.  Voglio tornare ad essere un presepe e a donare serenità a tutti quelli che passavano e che voglio tornino a passare di qua,  per fuggire dalla vita caotica e perdersi
nella contemplazione della meraviglia della natura, in ogni giorno e in ogni stagione, una più bella dell’altra.
L’inverno, con il bianco della neve.
La primavera con i prati che riemergono alla luce del sole.
L’estate con i colori dei suoi variopinti fiori.
E l’autunno con la terra che si prepara al riposo invernale e le vette che per prime cominciano ad imbiancarsi. Quest’anno dopo quel boato doloroso è stata la stagione del silenzio, un  silenzio assordante ma che non mi ha tolto del tutto la voglia di vivere, di tornare ad essere.
Caro Babbo Natale è questo che ti chiedo. Non un cellulare, una nuova TV  e nemmeno quel ultimo videogioco appena uscito. Quello che desidero è tornare quella che ero prima, nulla di più e nulla di meno. Semplicemente tornare ad essere. So che per esaudire questo desiderio ti ci vorrà una slitta gigantesca, ma sono certa che non mi deluderai.

Con affetto.
Castelluccio

dsc3593

(Letture totali 39 , Letture oggi 1 )
Condividi
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares

Commenta questo post

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.